Completati i lavori del lotto zero e lotto affreschi  e consegnati nuovi spazi alla prestigiosa School of Transnational Governance per l’avvio dell'anno accademico

Palazzo Buontalenti a Firenze

Dopo due anni di lavori che hanno interessato oltre 2.000 metri quadrati del Casino Mediceo nel centro storico di Firenze, sono stati consegnati a fine agosto 2021 nuovi spazi completamente riqualificati e restaurati alla School of Transanational Governance, per l’avvio del nuovo anno accademico nel mese di settembre. L’intervento ha riguardato, oltre al restauro delle superfici affrescate di alcune sale del primo piano dell’edificio, anche la ristrutturazione e allestimento di nuovi spazi di coworking  completi di mobilio e attrezzature informatiche.

Palazzo Buontalenti nel centro storico di Firenze è un immobile di grande pregio di proprietà dello Stato gestito dall’Agenzia del Demanio e utilizzato fino al 2012 dalla Corte di Appello.  A seguito di un protocollo d’intesa siglato nel 2018, viene concesso in uso gratuito alla European University Institute (EUI) che lo destinerà a sede della prestigiosa School of Transnational Governance, una scuola di alta formazione politica che offre programmi di apprendistato e borse di studio, oltre a condurre politiche di dialogo su argomenti di amministrazione internazionale. Il Segretario Generale Marco Del Panta dell'EUI: "Nell'ex Corte d' Appello porteremo la School of Transnational Governance, uno dei tre percorsi di studi, con specializzazione e formazione rivolte a dirigenti d'azienda, funzionari della pubblica amministrazione e del terzo settore e comunque per tutti colori interessati ai grandi temi internazionali". 

Per il Casino Mediceo - Palazzo Buontalenti che si estende su circa 20 mila metri quadrati prende così avvio, grazie ai fondi messi a disposizione dal Ministero Affari Esteri e della Coperazione, un importante  progetto di restauro e di rifunzionalizzazione dell'intero complesso, che avrà un impatto significativo anche sulla riqualificazione del quartiere e in termini di rigenerazione urbana. Il progetto prevede che i lavori eseguiti vengano suddivisi su tre macro lotti: lotto zero, lotto affreschi e lotto master. Nel 2019 l’Agenzia del Demanio, in qualità di stazione appaltante dell'intera operazione, ha dato avvio ai lavori per il  recupero del lotto zero e il restauro del lotto affreschi consegnati alla School of Transnational Governance lo scorso agosto. 

LE FASI DEL PROGETTO 

LOTTO ZERO 

  • Giugno 2018 - Inizio progettazione
Palazzo Buontalenti_rendering
  • Giugno 2019 - Inizio dei lavori 
Palazzo Buontalenti_lavori in corso
  • Agosto 2021 - Fine dei lavori 

    Conclusi  i lavori di riqualificazione di una porzione del complesso di oltre 2.000 metri quadrati, con la creazione di spazi di coworking destinati allo staff di lavoro e ai ricercatori, oltre ad aree per la sosta e per lo scambio tra le persone e spazi  di dimensioni diverse per incontri e riunioni.  L'intervento ha previsto, inoltre, la fornitura degli arredi, del mobilio delle attrezzature informatiche. 

Palazzo Buontalenti_lavori finiti

LOTTO ZERO AFFRESCHI

  • Luglio 2019 -  Inizio progettazione, incluse attività preliminari di approfondimento conoscitivo
Palazzo Buontalenti_affreschi_def
  • Novembre 2020 - Inizio dei lavori e restauro delle sale affrescate
Palazzo Buontalenti_restauro affreschi
  • Luglio 2021 - Fine lavori

Sono terminati  i lavori per il restauro delle superfici seicentesche decorate di quattro locali al piano terreno del Palazzo, mediante l’esecuzione di opere preliminari di messa in sicurezza, pulitura, consolidamento, stuccatura, reintegrazione pittorica e protezione finale degli affreschi. Realizzata anche una boiserie lungo le pareti e una illuminazione dedicata. 

Fine lavori_lotto affreschi

LOTTO MASTER

  • Febbraio 2021 - Pubblicazione bando di gara

E' in corso la verifica di congruità  dell'offerta a seguito del bando di gara pubblicato il 10 febbraio 2021. La gara per la progettazione ed esecuzione lavori è finalizzata alrestauro dell’intero complesso, mediante l’esecuzione di opere edili ed impiantistiche, il restauro degli affreschi, dei decori e delle statue presenti all’interno ed all’esterno dell’edificio, oltre agli elementi lapidei della facciata principale. 

UN PO’ DI STORIA...

Palazzo Buontalenti ha origine in un Casino di città che il granduca Francesco I fece erigere dall’architetto Bernardo Buontalenti a partire dal 1568 in una proprietà della famiglia Medici. Nel corso dei secoli, il Casino Mediceo è stato protagonista di numerose trasformazioni. Nato per accogliere manifatture granducali legate alle arti decorative e alla produzione di porcellane,  diventa poi abitazione personale di alcuni membri della famiglia, don Antonio prima, poi il cardinale Carlo che nei primi decenni del XVII secolo lo trasforma in un vero e proprio palazzo nobiliare. Alla morte del cardinale Carlo il palazzo cade in uno stato di semi abbandono; poi, con l’avvento dei granduchi di Lorena a partire dal 1737, il Casino di San Marco viene utilizzato prevalentemente come caserma per la Guardia Nobile. A partire dal 1846 subisce ulteriori modifiche per accogliere la Nuova Dogana ad opera dell’architetto dello scrittoio, Domenico Giraldi, che edifica ulteriori volumi per ospitare uffici e magazzini , finendo così per creare buona parte della fisionomia del complesso che a tutt’oggi esiste. Di fatto la Dogana ha vita breve perché negli anni di Firenze capitale, tra il 1865 e il 1871,  il complesso vive una ulteriore stagione di ingenti lavori ad opera di Paolo Comotto su incarico del  neonato Ministero delle Finanze per trasformare il complesso prima a Direzione Generale del Demanio e successivamente a sede di Avvocatura, Procura e Corte di Appello, funzione che ha mantenuto fino al 2012.